suoni del silenzio logo

sponsor NelBelSalento.it

sponsor NelBelSalento.it

  • Home

IL SEVERO GIUDIZIO DI GRAMSCI  SUL FRANCAVILLESE FRANCESCO RIBEZZO

antonj suoni del silenzio

IL SEVERO GIUDIZIO DI GRAMSCI  SUL FRANCAVILLESE FRANCESCO RIBEZZO

A cura di Pietro Filomeno
Il grande sardo definiva “lorianismo” quella schiera di intellettuali affetti «da disorganicità, assenza di spirito critico sistematico, trascuratezza nello svolgimento dell’attività scientifica assenza di centralizzazione culturale, mollezza e indulgenza etica nel campo dell’attività scientifico culturale ecc., non adeguatamente combattute e rigidamente colpite». Anche se il termine nasce dal coevo economista Achille Loria (vedi pagina accanto), per Gramsci «ogni periodo ha il suo lorianismo più o meno compiuto e perfetto e ogni paese ha il suo». Francesco Ribezzo appartiene a questa schiera di pseudo-intellettuali. Se può essere di consolazione per la memoria di Ribezzo, diciamo subito che per Gramsci tra gli esponenti massimi di questa patologia intellettuale erano soprattutto Arturo Labriola, Filippo Turati e Luigi Einaudi.

Leggi tutto

Stampa

Pagelle San Remo 2021

san remo 2

Pagelle San Remo 2021 a cura di Antonio Di Lena

Amadeus e Fiorello voto 8.5/10
Non è affatto facile intrattenere un teatro vuoto... I due resteranno nella storia (si spera) come gli unici due conduttori del festival della canzone italiana ad avere a che fare con la freddezza di un pubblico fisico assente.
Fiorello ha fatto il Fiorello di turno senza però ricevere quel giusto tributo che spetta ad un intrattenitore come lui, dispiace anche per Amadeus ... si sa il festival è palcoscenico assai ambito e fare il bis ma senza pubblico in piena pandemia non è proprio da tutti i giorni. Nel 2020 Amadeus si preoccupava dove fosse finito Bugo nel 2021 si preoccupa di dove è finito il pubblico, già per il 2022  si è defilato.

Leggi tutto

Stampa

"ALL UNDER CONTROL" ... RICORDANDO IL DISCO D'ESORDIO DEGLI ANTONIO'S REVENGE

unnamed
Era il 4 Novembre 2016 quando un disco d'esordio di dodici tracce entrò nel mercato musicale italiano. “All Under Control” è il titolo, la band  gli Antonio’s Revenge che nel disco armonizzano i suoni e il linguaggio del brit-pop nelle calde melodie del rock americano, unendole alla scena background italiana.  Gli Antonio’s Revenge nascono da un progetto musicale di Alessandro Razzi (voce, chitarra) e Giovanni Boscaini (basso). Insieme decidono di dare vita ad una band indie-rock in grado di armonizzare i suoni e il linguaggio del brit-pop nelle calde melodie del rock americano, unendole alla scena background italiana. Il nome del gruppo nasce per caso, grazie alla passione dell’ex chitarrista Sergio per le tragedie di John Marston, scrittore inglese del 1600, tra cui The Antonio’s Revenge.

Leggi tutto

Stampa

RIVOLUZIONARIO E MALEDETTAMENTE POETICO, IL CALCIO PIANGE MARADONA!

maradona morte

La notizia ha sconvolto il mondo, non c'è stata una testata giornalistica  che non abbia dedicato oggi la sua prima pagina alla più grande leggenda del calcio mondiale, più di Pelè, aldisopra di Messi e Ronaldo (il portoghese) Maradona a saputo cogliere l'essenza del calcio, a difeso Napoli e il suo popolo in prima persona, e la città partenopea lo ha adottato ed amato come un figlio, oggi piange la perdita di un pezzo di storia, di riscatto sociale, di follia e adrenalina sportiva. Diego Armando Maradona per Napoli e i napoletani era un Dio vivente, il sacro e il profano, basti pensare che all'anagrafe del comune di Napoli nei suoi sette appassionati anni ai piedi del vesuvio in migliaia hanno onorato nuove nascite con il nome Diego Armando. Napoli non dimentica e stretta nel dolore più profondo ha iniziato a venerare quel Dio che ha egalato alla città una favola romantica,poetica e appassionata che oggi è leggenda. 

Leggi tutto

Stampa

IL CORPO DELLA DONNA NEL CINEMA E NELLA VITA REALE  

cover Incontrada P taglio

IL CORPO DELLA DONNA NEL CINEMA E NELLA VITA REALE  

Partiamo dal “caso Incontrada”. Sulla copertina del 7 agosto di “Vanity Fair”, rivista settimanale di gossip e altro, Vanessa Incontrada, attrice e conduttrice, si è fatta fotografare nuda. Forme rotonde, seni coperti dall’avambraccio destro e coscia sinistra accavallata su quella destra. Sguardo dolce rivolto verso l’obiettivo del fotografo o, se volete, verso i lettori vouyer. Tutto, come regola impone, scrupolosamente photoshoppata: quindi niente cellulite, qualche ritocchino e persino un po’ smagrita.
Perché l’ha fatto? Per soldi o per vanità?

Leggi tutto

Stampa