suoni del silenzio logo

BANNER3

SERIE A ULTIMI VERDETTI...GENOA SALVO, U.S.LECCE IN SERIE B, LETALE LO SCONTRO DIRETTO PERSO A MARASSI DAI SALENTINI!

GENOA, ITALY - JULY 19:Own goal of Gabriel for US Lecce during the Serie A match between Genoa CFC and  US Lecce at Stadio Luigi Ferraris on July 19, 2020 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Il campionato più strano della storia del calcio italiano si è chiuso  con la salvezza del Genoa (il club più antico d'Italia), che ha steso il Verona(mai per niente in partita)con il risultato di  3-0,più che una gara di campionato è sembrata una vera e propria amichevole di Agosto pre-campionato e la retrocessione del Lecce, caduto in casa 3-4 col Parma che a differenza della squadra scaligera è scesa nel Salento con professionalità giocandosi la gara a viso aperto e senza mai tirarsi indietro, un bell'esempio per la sportività che spesso manca durante i match di fine campionato in molte piazze calcistiche, demolendo così i veri valori di sportività e correttezza che lo port più seguito e amato in Italia nonostante anni di scandali non riesce davvero a mettere sulla corretta via. C'è da dire che il Lecce ha le sue colpe avendo portato spesso risultati maggiori con squadre blasonate vedi la vittoria a Napoli o contro la Lazio e perso occasioni importanti negli scontri diretti. Analizzando la stagione dei giallorossi la formazione di mister Liverani  spesso contestato a Lecce ma che vive in una situazione di amore e odio tra i tifosi,(incerto ora il suo futuro sulla pachina salentina) ha collezionato statistiche poco rose...solo 9 vittorie, 8 pareggi e 21 sconfitte, troppe per una formazione che pretende la massima serie, certo l'andazzo di Torino e Genoa non sono state tutte rose e fiori e alla fine la matematica non è un opinione e ci si salva con i punti e non con le belle prestazioni. Stagione di luci con la massima presenza di Fabio Lucioni 36 presenze e i 14 goal di Marco Mancosu che entra di diritto nella cerchia dei più prolofici goleador dell'U.S.Lecce in serie A. Anche i numeri dello stadio sono da ricordare18.800 abbonamenti registrati allo stadio Via del Mare e una media spettatori di 23.296 tifosi a partita, media rovinata per la riapertura del campionato a porte chiuse, che ha fatto si che tutti gli stadi d'italia vivessero un ambiente a dir poco spettrale...sarà stato giusto ripartire? Tra favorevoli, vedi sponsor e diritti televisivi e contrari, molte tifoserie tra cui i supporters del Lecce il campionato si è concluso ormai per tutti. Il Lecce ha concluso con 52 reti più di Verona 47 reti e nono posto, Fiorentina 51 reti e decimo posto, Udinese 37 reti e tredicesimo posto, Sampdoria 48 reti e quindicesimo posto Torino 46 reti e sedicesimo posto, Genoa 47 reti e diciasettesimo posto, Brescia 35 reti e diciannovesimo posto e la S.P.A.L. 27 reti ventesimo e ultimo posto. Questo a dimostrare che anche con una media goal segnati maggiore la salvezza non è affatto garantita, la perla oscura del campionato è stata la difesa 85 reti subite, la peggiore in Italia tra i professionisti con gare altamente al di sotto delle aspettative di un club di serie A: Inter Lecce 4-0, Lecce Napoli 1-4, Roma Lecce 4-0, Lecce Atalanta 2-7, Lecce Milan 1-4, Juventus Lecce 4-0, Sassuolo Lecce 4-2, Lazio Lecce 4-2, e la decisisva Lecce Parma 3-4, queste giusto per citare le peggiori sconfitte che hanno portato sui 1154 goal segnati in questo campionato dai club di serie A ad avere il Lecce con la peggior difesa. Negli scontri diretti non è andata poi tanto meglio, escluso il Torino dove i giallorossi si sono imposti per 2-1 e 4-0 e la S.P.A.L. vittorie per 3-1 e 2-1, nel resto degli scontri diretti il Lecce si è scavato la fossa per la serie B pareggio 1 a 1 a Marassi contro la Sampdoria e sconfitta interna per 2 a 1sconfitta 3 a 0 a Brescia penultimo e retrocesso a fine torneo, ma sopratutto il pareggio interno con Genoa 2 a 2 in casa e la sconfitta al ritorno per 2 a 1 con tanto di rigore sbagliato e autogoal di Gabriel per una scena tragicomica ma anche beffarda, il palo e poi la spalla del portiere che inconsciamente forse già matematicamente affonda la sua squadra in serie B... ora bisognerà attutire il colpo e vedere come e cosa realizzerà per il campionato di serie B la formazione salentina, che potrà rappresentare (unica squadra) l'alternativa per il salto di categoria nel massimo campionato italiano, vista la distanza abissale di altre formazioni pugliesi (vedi il Bari ndr. perdente in finale paly off con la Reggiana) che dovra rigiocarsi la serie C inserita in un girone quello "c" pieno di nobili decadute vedi Palermo, Catania, Ternana e formazioni ormai confermate e "rognose" per le big tra tutte la Virtus Francavilla, l'anno scorso in grado di battere appunto il Bari finalista dei play off e la Reggina vincitrice del campionato. Parentesi salentina chiusa riepiloghiamo gli altri verdetti,  sabato sera la Juventus ha festeggiato il nono scudetto consecutivo il 36°della sua storia e quello con minor scarto +1 sull'Inter seconda e con maggior sconfitte ben 7, Ecco tutti i verdetti. SCUDETTO - Juventus. IN CHAMPIONS - Juventus, Inter, Atalanta(miglior attacco del campionato 98 goal) e Lazio (se Napoli e Roma non vinceranno Champions ed Europa League). IN EUROPA LEAGUE - Napoli (vincitore Coppa Italia) e Roma (ma entrambe possono qualificarsi per la Champions vincendo le rispettive coppe europee. In quel caso in Europa League andrebbe la Lazio) AI PRELIMINARI - Milan (se la Roma vince l'Europa League, rossoneri ai gironi e Sassuolo ai preliminari) RETROCESSE - Lecce, Brescia e SpalCLASSIFICA MARCATORI:  1) Immobile (Lazio) 36 gol, Scarpa d'Oro e record di Gonzalo Higuain eguagliato, 2) Cristiano Ronaldo (Juventus) 31 gol,3) Lukaku (Inter) 23 gol,4) Caputo (Sassuolo) 21 gol,5) Joao Pedro (Cagliari) 18 gol,5) Muriel (Atalanta) 18 gol,5) Zapata (Atalanta) 18 gol,8) Belotti (Torino) 16 gol,8) Dzeko (Roma) 16 gol,10) Ilicic (Atalanta) 15 gol. Un ultima osservazione va vista nei riguardi dell'Atalanta una vera e propria macchina da goal 98 nel suo attivo che forse nell'ultima fase della stagione avrebbe potuto superare quota 100 e pensare anche al tricolore, forse a Bergamo la mente della Dea è rivolta a quella favola chiamata Champions...chissà una cosa è certa si è appena conclusa una delle stagioni calcistiche più anomale, storiche e forse fiabesche nella loro tragicità di cui ne parleremo nei libri di storia calcistici...

Antonio Di Lena

Stampa

SERIE C...LA VIRTUS FRANCAVILLA 1946 PRENDE FORMA

virtus francavilla 1 bari 0

Si comincia concretamente a tessere la tela della prossima serie C per l'affermatissima Virtus Francavilla di patròn Antonio Magrì, la squadra della città degli Imperiali aspettando la definizione delle formazioni che completeranno l'organico del torneo, tra ripescaggi,retrocessioni e possibili fallimenti è già  a lavoro per dare una squadra di livello per il prossimo campionato professionistico di serie C. Cominciamo da Leonardo Perez, pilastro del presente e del futuro della Virtus Francavilla infatti  la società avrebbe già fatto sapere al calciatore di essere incedibile e proprio dal numero dieci ripartirà il progetto della prossima stagione. Per l'attaccante classe '89 quella appena conclusa è stata una stagione super: 28 presenze e 13 gol messi a segno. Del resto anche il presidente Antonio Magrì ha confermato: "La nostra intenzione è andare avanti con la coppia Vazquez-Perez".Confermato anche Fabio Delvino,  il difensore classe '98, infatti, ha rinnovato il proprio contratto con la società biancazzurra fino al 2023. Nel corso di questa stagione il ventiduenne ha collezionato 29 presenze in casacca bianco azzurra. E' arrivato invece il centrocampista classe 1992 Domenico Franco. Una lunga ed importante militanza tra i professionisti per lui , con più di 200 presenze in serie C con le casacche di Salernitana (dove conta anche 3 presenze in serie B), Paganese, Messina, Monopoli, Rende e Cesena. Intanto il mercato non si ferma e la Virtus Francavilla guarda in casa Fiorentina alla ricerca di un terzino  infatti, i biancazzurri starebbero valutando il profilo di Fabio Ponsi,  classe 2001. Il diciannovenne, protagonista nell'ultima stagione nel campionato Primavera, potrebbe essere il sostituto di Alessandro Albertini: gioca sulla fascia destra, ma può essere tranquillamente adattato anche sulla sinistra. È, inoltre, un punto fisso della Nazionale U19, con cui ha già collezionato dieci presenze. La trattativa però sembra tutt'altro che semplice, vista la grande concorrenza in questo avvio di mercato. Da decifrare anche le intenzioni della Fiorentina, indecisa se aggregarlo alla prima squadra in vista della prossima stagione o mandarlo in prestito in Serie C per giocare con continuità e allungare il processo di crescita. Dopo l'addio del portiere  Giacomo Poluzzi, rimasto svincolato dopo l'uscita dai play-off della compagine biancazzurra, la società  è al lavoro per portare alla corte di Bruno Trocini un nuovo numero uno tra i pali. Sembrerebbero molteplici le alternative per un calciatore valido a capo dell'estrema difesa in campo  tra questo ci sarebbe anche quello di Gabriel Meli. Classe '99 e di proprietà dell'Empoli, negli ultimi mesi della stagione appena conclusa in prestito al Rimini. C'è da battere, però, una foltissima concorrenza per uno dei portieri più ricercati attualmente dai club di Serie C. Vedremo se nei prossimi giorni la società renderà noti nuovi nomi e conferme, una cosa è certa...si sta lavorando alla realizzazione di un gruppo più che competitivo, in vista del campionato forse più impegnativo della storia professionistica francavillese, si scrive serie C ma potremmo chiamarla semplicemente serie B2.

Antonio Di Lena

 

Stampa