suoni del silenzio logo

sponsor NelBelSalento.it

sponsor NelBelSalento.it

PIETRO FILOMENO RICORDA ...ALESSANDRO LEOGRANDE

LEOGRANDE Copia

Oggi cade il terzo anniversario della morte di Alessandro Leogrande, il giovane giornalista e scrittore tarantino. Tra i migliori, se non il migliore, della sua generazione. Ha lasciato dietro di sé un grande rimpianto. Scrissi a caldo un ritratto della sua figura, uscito su “lagazzettadellapuglia.it, n. 9-12, settembre/dicembre 2017, p. 10. Qui lo ripubblico per ricordarlo a chi lo conosceva e per farlo conoscere a chi ancora purtroppo lo ignora.

Leggi tutto

Stampa

CATTIVO GIORNALISMO O GIORNALISMO CATTIVO? L'ARTE DI CREARE LA NOTIZIA QUANDO NON C'E'

libero 2020 11 23 5fbb4266b3410"Libero" del 23 novembre 2020 ha intervistato il professore Luciano Gattinoni, anestesista e rianimatore che insegna all'Università di Gottinga (Germania). Su questa intervista (ben 18 domande, pp. 1 e 3) il giornale ha aperto la prima pagina con tutti i fuochi d'artificio dell'armamentario giornalistico (come si vede dalla foto acclusa). Articolista: Alessandro Gonzato. Occhiello: "Spietata diagnosi di un luminare". Titolo: "Da noi il Covid uccide di più perché non investiamo in cure".

Leggi tutto

Stampa

ALLA FINE DELLA PANDEMIA LE REGIONI VANNO ABOLITE

ITALIA SUONI ABOLIDE

Lockdown o non lockdown? Lockdown totale o parziale? Su questi grandi interrogativi c’è stato, e continua a esserci, rottura tra governo centrale e Regioni. Quest’ultime un giorno vogliono il  lockdown totale, il giorno dopo no. Veramente, a volerlo e a non volerlo sono soprattutto i governatori di centro-destra (15 su 20, purtroppo). E’ dall’inizio della pandemia, da marzo scorso, che litigano con il governo centrale. La ragione è chiara come il sole: non vogliono assumersi la loro responsabilità, nonostante la legge 833/78 (istituzione del Servizio sanitario nazionale) ne  stabilisca prerogative e compiti.  Non se la sentono di introdurre limitazioni.

Leggi tutto

Stampa

LA CATTIVA COSCIENZA DI CERTA STAMPA ITALIANA

collage suoni

Che certa stampa italiana facesse cadere le braccia non è un mistero. Ma pensavamo che ci fosse un limite a tutto. Invece, no. Ultimo esempio: l’esito delle elezioni in Usa. Iniziamo con l’’editoriale di Massimo Giannini, direttore de “La Stampa”, intitolato nientemeno “Il 25 aprile dell’America e del mondo” (8 novembre 2020). Sì, l’enfasi è troppa: ma corrisponde tutta al contenuto dell’articolo. «Per quanto sofferta e contrastata, la vittoria di Biden – scrive - cambia il corso della Storia.

Leggi tutto

Stampa

IL CORONAVIRUS E LE PROTESTE E' LECITO "ASPETTARE"?

violence suoni del silenzio francesca

2020, l’anno che forse ha più scosso gli animi in qualsiasi parte. La situazione globale si trova ad affrontare una pandemia che mai, forse, ha scosso così tanto gli animi. Dalla brutale uccisione di George Floyd, le insurrezioni dei lavoratori in alcune città italiane, le elezioni americane che hanno visto la vittoria di Biden e la fine di Trump - ma non del trumpismo - le proteste in Polonia per il diritto vietato in favore dell’aborto, al riscaldamento globale che, ancora adesso, è un problema purtroppo preso poco in considerazione da molti, la paura attraversata nella prima ondata di contagi mista e la rabbia che ora dilaga durante questa seconda ondata, autorizza molte persone a voler moralizzare.

Leggi tutto

Stampa