suoni del silenzio logo

sponsor NelBelSalento.it

sponsor NelBelSalento.it

iRose: quando il cuore alza la voce

iroseiRose: quando il cuore alza la voce. Quello degli iRose è un pop rock dal sapore romantico. La band romana ha pubblicato l’album omonimo, contenente dieci brani. Essi sono eseguiti dalla voce di Paolo Borgi, dalla chitarra di Riccardo De Angelis, dal basso di Gabriele Persi e dalla batteria di Fabio Latini. 

Il modo in cui è scritto il nome del gruppo, nonché titolo del CD, ricorda l’iPhone, la “modernità ultimo modello”. Ma, al posto di quel “Phone”, c’è il nome della regina dei fiori, la rosa. L’illustrazione di copertina è strutturata come un logo, una sorta di cuore a metà. Se lo si guarda con attenzione, si scopre che l’immagine è composta da quattro profili che alternano il sorriso alla malinconia. Fra l’altro, in inglese, “I rose” significa “Mi sono alzato”. C’è molta voglia di alzarsi e inseguire sogni, in questo album. Non ho più alibi esprime l’impossibilità di sottrarsi a un amore che sta già dominando l’esistenza… ma per arricchirla, non per schiacciarla. Il treno per l’aurora parla invece della voglia di fuggire da se stessi, o forse di correre incontro a qualcuno… Oltre, sin dal titolo, contiene quello slancio che è la cifra di tutto il CD. Per l’appunto, “appena oltre la salita” c’è una luce: ci si scopre a guardare in faccia il sole, mentre si spiegano le proprie ali, pur rimanendo sempre con la protezione della persona amata (Tra le mie mani). Talvolta, però, portare qualcuno “oltre il limite” significa renderlo vulnerabile. A volte, bastano anche i Silenzi, quando si è Insieme. Soprattutto, grazie alla forza di un legame sincero, “il futuro non è un miraggio”. Sempre Di cuori protesi si parla, che siano protesi verso la liberazione dalle pastoie emotive o verso una persona della quale non si può più sminuire l’importanza nella nostra vita. Un Sogno d’amore non sopporta di restare nel cassetto. Il suo compito naturale è quello di trasportarci Tra le nuvole, dove “sento il tuo profumo confondersi al mio”. Sulle nuvole o sulla terra che sia, il contrassegno dell’amore è che fa dire: Sei sempre dentro di noi.

Erica Gazzoldi 

Tags: italia, europa, relax, recensioni, musica

Stampa